fbpx

Chasmanthium latifolium, la pianta dei pesciolini

Bambini in carcere

Se potesse entrare in carcere, un bambino la chiamerebbe la pianta dei pesciolini.

Ma non può entrare.

E quei bambini che delle procedure sciagurate costringono a entrare al seguito delle loro mamme (per fortuna a Bollate sono pochi: magra consolazione) ogni tanto arrivano in vivaio con un’educatrice che cerca di far loro assaggiare il mondo, un mondo normale. E toccano le piante, danno loro nomi di fantasia. Come tutti i bambini del mondo, una volta che li tieni alla larga da telefonini e Play Station.

La pianta dei pesciolini

E speriamo che la pianta dei pesciolini guizzi fuori dal carcere e porti con sé (in strutture adeguate e senza sbarre: teniamoci alla larga dai malintesi, per carità) i bambini e le loro madri.

La pianta dei pesciolini è il Chasmanthium latifolium.

 

Stampa