Diversificare i generi e le specie vegetali è una risposta di buon senso al fatto che, in linea di massima, ogni pianta ha i suoi insetti, le sue malattie e i suoi predatori, quindi maggiore è la varietà delle piante, più grande è l’equilibrio naturale e minori sono le malattie.

Giardinaggio a parole.
Cose da fare e gesti da imparare prima di passare ai fatti.

“Il giardino del parroco è sempre più sano.”  Forse è benedetto da un’entità superiore, ma è più probabile che in quell’adorabile caos di ortaggi, peonie, rose, annuali e arbusti si faccia strada una benefica biodiversità casalinga.

Parola d’ordine: diversificare

Diversificare i generi e le specie vegetali è una risposta di buon senso al fatto che, in linea di massima, ogni pianta ha i suoi insetti, le sue malattie e i suoi predatori, quindi maggiore è la varietà delle piante, più grande è l’equilibrio naturale e minori sono le malattie. Per esempio, le cocciniglie di solito sono indifferenti alle rose e gli afidi alle ortensie. E l’oziorrinco predilige le piante a foglia coriacea e sempreverde. Se in una zona ombrosa ci sono solo Hosta sarà molto probabile che alla prima lumaca ne seguano tantissime altre: in pochi giorni, niente più Hosta. Questo accade perché, semplificando, gli insetti tendono a riprodursi in relazione al cibo che hanno a disposizione.

Quanto concimare e quanto potare?

E sempre in tema di prevenzione salutistica: è bene non abusare in concimi né eccedere in potature. La funzione della concimazione è quella di nutrire la pianta, non di iper-nutrirla: quasi sempre una pianta ipertrofica ha un futuro di pianta malata. Una linfa particolarmente “ricca” diventa infatti un polo d’attrazione per insetti e gli acari che di linfa si nutrono e stimola la loro riproduzione indiscriminata. Qualcuno ha mai visto l’impressionante spettacolo di un campo di patate invaso da quel bellissimo e vorace coleottero che risponde al nome di dorifera? Non ci vuole un entomologo per capire che la monocoltura ha qualche difettuccio…

Ph. Marianna Merisi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Carrello
Torna su